mercoledì, dicembre 06, 2006

E' corsa ai mutui in Puglia. +35% nel Tarantino

Secondo i dati del Bollettino statistico della Banca d'Italia dello scorso 19 ottobre, nel primo semestre 2006 in Puglia la richiesta è aumentata del +27,3%. Lo riporta una nota dell'Osservatorio mutui Banca per la casa (gruppo Unicredit). Taranto è la provincia che ha mostrato il maggiore incremento in percentuale rispetto allo stesso periodo del 2005; seguono Brindisi (+34,5%) e Foggia (+30,2%)
BARI - Secondo i dati del Bollettino statistico della Banca d’Italia dello scorso 19 ottobre, nel primo semestre 2006 in Puglia è aumentata del +27,3% la richiesta di mutui. Lo riporta una nota dell’Osservatorio mutui Banca per la casa (gruppo Unicredit).
“La provincia che ha erogato di più – è detto – è stata Bari con 647 milioni di euro e un incremento del +28,3% rispetto allo stesso periodo del 2005. Taranto è la provincia che ha mostrato il maggiore incremento in percentuale rispetto allo stesso periodo del 2005 con +35% (214 milioni di euro di erogato). Seguono Brindisi con +34,5% (117 milioni di euro di erogato), Foggia con +30,2% (195 milioni di euro di erogato), Lecce con +8,1% (158 milioni di euro di erogato)”.
“A livello nazionale – continua il comunicato – nel primo semestre 2006 si è registrata una crescita delle erogazioni mutui del +20,46% raggiungendo un valore totale pari a 31.716 milioni di euro, rispetto ai 26.330 milioni di euro del primo semestre 2005. In riferimento all’Italia Meridionale, che oltre alla Puglia comprende le regioni Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata e Calabria, va detto che la Puglia si colloca ad oggi al secondo posto per valore dell’erogato con 1.332 milioni di euro, confermando il trend di crescita dell’anno precedente”.
Per quanto riguarda il gruppo Unicredit – prosegue la nota – in Puglia “il 26,5% dei clienti ha un’età compresa fra i 30 e i 40 anni. Il 57% sceglie di sottoscrivere mutui per importi compresi tra i 100.000 e i 200.000 euro e il 44,6% con durate fra i 26 e i 30 anni”.
Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno

Nessun commento: